Questo articolo è stato letto 0 volte

Il lavoro cancella la pena

ROMA – Ora il Senato approvi rapidamente le nuove regole del Codice dalla strada. Con questo auspicio ieri la commissione Trasporti della Camera ha dato il via libera, in sede legislativa, al ddl sulla sicurezza stradale che modifica 80 articoli del codice della strada. Testo che ora passa all’esame di Palazzo Madama per il placet definitivo che dovrebbe giungere entro fine mese. Auspica una rapida approvazione del testo, che risponde «alle auspicate maggiori necessità di sicurezza sulle nostre vie di comunicazione», anche il ministro dei Trasporti Altero Matteoli. Il semaforo verde al provvedimento si è acceso con voto all’unanimità, raro nello scenario politico nazionale del momento. «Il testo, frutto di un lavoro comune di maggioranza e opposizione – sottolinea Mario Valducci, relatore e presidente della commissione Trasporti della Camera – speriamo sia in grado di ridurre efficacemente i tanti morti e feriti che funestano ogni anno le strade italiane, che oltre al grande dolore di tante famiglie, rappresentano anche un costo sociale per il paese di 32-38 miliardi l’anno. Più di una finanziaria». Fondamentale, sottolinea Valducci,che è anche un po’ il padre del provvedimento, «l’introduzione della distinzione per chi si siede al volante fra il momento del bere e quello della guida soprattutto per i neopatentati e i conducenti di pullman, bus e camion». Alcool zero per i neopatentati e guidatori professionali è fra le innovazioni introdotte dal ddl che entreranno in vigore subito, il giorno successivo alla pubblicazione della legge in «Gazzetta Ufficiale». Subito in vigore anche le disposizioni che danno un giro di vite al malcostume di truccare le minicar, con pesanti sanzioni per chi produce, commercializza o manomette le vetturette per renderle più veloci. Sulle minicar, poi, sarà obbligatorio allacciare le cinture di sicurezza. E non sarà più consentito a chi ha la patente ritirata condurre ciclomotori e minicar. Sui ciclomotori, inoltre, dal 19 gennaio 2011 sarà obbligatoria una prova pratica per il conseguimento del patentino. Prevista anche una lezione teorica sul funzionamento dei ciclomotori in caso di emergenza. Il punto debole per ora sono i controlli, circa 1,2 milioni l’anno. «Fondamentale resta l’incremento dei controlli – sottolinea Silvia Velo (Pd) – perché altrimenti le nuove regole e l’inasprimento delle sanzioni restano lettera morta. Dobbiamo indirizzarci verso il raggiungimento dei 6 milioni di controlli che si effettuano in Francia. Più controlli ci sono, più le regole vengono rispettate». Fra le ultime novità approvate spicca, per il rinnovo della patente degli over 80, l’introduzione di una visita medica specialistica biennale, che attesti il possesso dei requisiti fisici e psichici, da effettuare di fronte a una commissione medica locale. Novità anche sul fronte delle pene detentive e pecuniarie, per chi è stato pizzicato al volante in stato di ebbrezza, ma non ha provocato incidenti: potranno essere sostituite con lavori di pubblica utilità, per una durata corrispondente alla sanzione detentiva e alla conversione della pena pecuniaria comparando 250 euro a un giorno di lavoro di pubblica utilità. Un neo del provvedimento, per Carlo Monai (Idv), è stata l’impossibilità di inserire la modifica della norma sulla confisca in caso di patteggiamento, in linea con la sentenza 196/ 2010 della Consulta. È stato solo tagliato dal testo il riferimento alla norma incostituzionale. Promette tempi rapidi Angelo Maria Cicolani (Pdl), relatore del provvedimento al Senato. «Siamo consapevoli- sottolinea il senatore Cicolani – della necessità di far entrare in vigore le nuove regole prima dell’esodo di agosto». Il provvedimento dovrebbe iniziare il suo iter martedì 20 luglio, visto che questa settimana si vota la fiducia alla manovra.

Le principali novità

Alcol zero
I neopatentati nei primi tre anni di guida e i conducenti professionisti che trasportano persone e merci devono mettersi al volante senza aver bevuto alcolici o superalcolici. Previste pesanti sanzioni pecuniarie. La patente viene sempre revocata ai guidatori di camion sopra 3,5 tonnellate se il tasso alcolemico supera 1,5 g/l

Stretta sulle minicar
Forti sanzioni, fino a 4mila euro, per chi produce e commercializza minicar e ciclomotori che superano i 45 km/h. Rischia fino a 3.119 euro anche il meccanico che trucca ciclomotori o minicar e chi guida quelle truccate (fino a 1.559 euro). Obbligo di allacciare le cinture sulle minicar. Non si può condurre una minicar o un ciclomotore con la patente revocata.

Misure subito in vigore

Patentino per i ciclomotori Dal 19 gennaio 201 prova pratica obbligatoria per il conseguimento del patentino per la guida di ciclomotori. Prevista anche una ulteriore lezione teorica sul funzionamento dei ciclomotori in caso di emergenza. Non è possibile condurre ciclomotori e minicar se la patente di guida viene revocata

Notifiche
Si accorciano i tempi di notifica delle contravvenzioni: il termine passa dagli attuali 150 giorni a 90 giorni dall’accertamento della violazione. Sono, invece, 100 i giorni a disposizione per la notifica della contravvenzione agli obbligati in solido, nel caso in cui la multa venga immediatamente contestata al trasgressore

Lavori di pubblica utilità
Per chi non ha provocato incidenti guidando in stato di ebbrezza è possibile sostituire, per una sola volta, la pena pecuniaria e detentiva con lavori di pubblica utilità, per una durata corrispondente alla sanzione detentiva e alla conversione della pena pecuniaria, comparando 250 euro a un giorno di lavoro di pubblica utilità

Recupero dei punti
Per recuperare i punti perduti della patente arriva una prova di esame al termine dei corsi che consentono di riottenere 6 punti (9 per chi ha una patente professionale). Deve, invece, rifare l’esame per la patente chi commette, nell’arco di 12 mesi dalla notifica della prima infrazione da 5 punti, altre due violazioni da almeno 5 punti

Multe a rate
È stato fissato a 200 euro il minimo di sanzione per la quale può essere chiesta la rateizzazione. L’agevolazione spetta solo a chi ha un basso reddito, inferiore a 10.628,16 euro. Previste al massimo 12 rate per multe al di sotto dei 2mila euro, 24 rate se inferiori a 5mila euro, 60 rate oltre i 5mila euro. Rata minima: 100 euro

Ultraottantenni
Gli over 80 per avere il rinnovo della patente per ciclomotore o di categoria A, B, C, E dovranno ottenere uno specifico attestato sottoponendosi a una visita medica specialistica biennale che attesti il possesso dei requisiti fisici e psichici, di fronte a una commissione medica locale. Entro 4 mesi un decreto delle Infrastrutture fisserà le modalità di attuazione

Guida accompagnata
Introdotta la guida accompagnata per i diciassettenni con lo scopo di esercitarsi alla guida in compagnia di un adulto titolare di patente B o superiore da almeno 10 anni, previo rilascio di un’autorizzazione del dipartimento per i Trasporti, su istanza del genitore o di un legale rappresentante del minore

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>