Questo articolo è stato letto 0 volte

Il decreto milleproroghe è legge

il-decreto-milleprorghe-e-legge.jpg

Per il rotto della cuffia mercoledì l’Aula del Senato ha approvato, in via definitiva, il decreto Milleprorogheconvertendolo in legge. Il provvedimento ha ricevuto 135 voti favorevoli, 20 contrari e 78 astenuti. Di seguito, ne elenchiamo le principali novità.

WEB TAX – L’entrata in vigore della norma prevista dalla legge di stabilità viene prorogata al 1° luglio.

INCENTIVI IMMOBILI – Le detrazioni fiscali, stabilisce la legge, “sono concesse per gli arredi degli immobili in ristrutturazione anche se l’importo complessivo supera il valore della ristrutturazione”.

TABACCHI – Il provvedimento introduce la possibilità di aumentare, fino ad un massimo dello 0,7%, le accise sui prodotti da fumo.

SISTRI – Prevista la partenza della “fase 2″ del Sistri dal prossimo 3 marzo 2014. È prorogato fino al 31 dicembre 2014il periodo in cui i soggetti obbligati devono continuare ad effettuare anche il tracciamento tradizionale dei rifiuti. Lesanzioni si applicheranno dal primo gennaio 2015.

ISOLE MINORI – È introdotta un’imposta per chi sbarca su un’isola minore, applicabile a chi usa imbarcazioni che svolgono trasporti di persone a fini commerciali. Al massimo, potrà raggiungere i 2.50 euro.

AFFITTI D’ORO Le pubbliche amministrazioni potranno, entro giugno 2014, recedere dai contratti di affitto delle locazioni passive.

PATTO DI STABILITÀ – Sanzioni ridotte per i comuni che non l’hanno rispettato.

BANCOMAT – Scatta dal 30 giugno l’obbligo per commercianti e professionisti di accettare il bancomat o la carte di credito.

VOUCHER FINO A 3MILA EURO – Per tutto il 2014, cassintegrati e quanti si avvalgono di ammortizzatori sociali, potranno integrare il sussidio con voucher fino a un massimo di tremila euro l’anno.

SALVA ROMA – Il cosiddetto emendamento Salva Roma è stato ritirato.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>