Questo articolo è stato letto 1 volte

Gruppi europei di cooperazione territoriale: rapporto della Commissione

In una recente relazione, la Commissione europea fa il punto sui gruppi europei di cooperazione territoriale, un nuovo strumento lanciato nel 2006 attraverso il quale gli Stati membri, le collettività regionali e locali, le associazioni e gli organismi pubblici possono superare gli ostacoli legati alla cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale. In Europa sono stati creati 16 GECT, mentre altri 21 sono in preparazione. Ad esempio, il primo ospedale transfrontaliero, che sarà inaugurato nel 2012 à Puigcerdà, in Catalogna, vicino al confine tra Francia e Spagna, è il risultato di un GECT.  Il GECT permette di semplificare le procedure e di superare le barriere istituzionali, normative e finanziarie che finora hanno ostacolato i progetti di sviluppo transfrontaliero. Consente ai partner di costituire un’entità giuridica unitaria che fa riferimento a un’unica serie di regole per portare a termine iniziative comuni in diversi Stati membri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *