Questo articolo è stato letto 0 volte

Giustizia: “Lotta alle mafie problema non di un singolo Stato”

“La lunghezza dei processi è inaccettabile, è un problema atavico che va a scapito della credibilità. Se facciamo il paragone con gli altri Paesi europei penso che non sia neanche giustificabile, e poi chi ne fa le spese è il cittadino che perde fiducia in un’istituzione così importante come la magistratura. Penso che si dovrà lavorare per accorciare i tempi”. Lo ha dichiarato il Ministro per le politiche europee, Andrea Ronchi, il 29 ottobre scorso a Bari per partecipare al convegno “Organizzare la Giustizia – Modelli di gestione delle Procure Distrettuali ed efficienza della giurisdizione”.

Parlando di criminalità organizzata, il Ministro Ronchi ha sottolineato come “la lotta alle mafie di tutti i tipi è un’esigenza ed è un’emergenza non soltanto di un singolo Stato nazionale, ma di tutta la comunità. L’opera del ministro Maroni penso sia straordinaria. Di recente sono stato in Polonia e in Francia, dove si stanno realizzando accordi con le varie polizie e procure. C’è una grande sinergia, perché la battaglia contro la mafia è una battaglia di legalità e di legittimità delle istituzioni. Perciò deve essere fatta a 360 gradi e non a compartimenti stagni. La strada che stiamo percorrendo è certamente quella giusta e lo vediamo anche negli straordinari risultati del nostro governo”.

>> Leggi l’intervento del Ministro

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>