Questo articolo è stato letto 1 volte

Fotovoltaico, cambiano le regole per ottenere le tariffe incentivanti

ROMA – Fissate dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas le nuove regole per l’erogazione delle tariffe incentivanti previste dal terzo Conto Energia per il fotovoltaico che entreranno in vigore dal primo gennaio 2011. Per poterle ottenere il soggetto responsabile del-l’impianto fotovoltaico dovrà dichiarare di rispettare i requisiti previsti dal d. m. 6 agosto 2010 e di essere proprietario dell’immobile dove è installato l’impianto o, diversamente, disporre del-l’autorizzazione sottoscritta dal proprietario del bene immobile. Dovrà, inoltre, aver conseguito tutte le autorizzazioni necessarie alla costruzione e all’esercizio dell’impianto, nel rispetto dei vincoli architettonici e paesaggistici, della normativa vigente in materia di sicurezza durante le attività di costruzione ed esercizio dell’impianto e dei relativi allacciamenti. Per quanto concerne la gestione dell’impianto fotovoltaico, il soggetto responsabile non dovrà alterare le caratteristiche di targa delle apparecchiature di misura e non modificare i dati di misura registrati dalle medesime. Dovrà consentire l’accesso all’impianto e alle relative infrastrutture, comprese quelle di misura dell’energia elettrica prodotta, al Gestore dei Servizi Energetici e agli altri soggetti di cui il Gse può avvalersi per l’espletamento delle attività di verifica e controllo. Dovrà, inoltre, comunicare al fise il nuovo numero di matricola a sostituzione di quello precedente nel caso in cui uno o più pannelli e/o convertitori della corrente continua in corrente alternata che compongono l’impianto, a seguito di danni o avarie non riparabili e che ne rendano necessaria la sostituzione venga sostituito con altro di pari potenza. Ulteriore obbligo: comunicare al Gse ogni altra modifica relativa all’impianto fotovoltaico che potrebbe comportare modifiche nell’erogazione delle tariffe incentivanti o dell’eventuale maggiorazione o premio, ivi incluse manutenzioni straordinarie, dismissioni o furti. La deliberazione dell’Autorità per l’Energia e il Gas stabilisce che a partire dal 15 novembre 2010 i soggetti responsabili sono tenuti ad utilizzare il portale informativo predisposto dal Gse al fine di registrarsi, inserire i dati del proprio impianto e trasmettere per via informatica i documenti necessari. Questa nuova opportunità potrà essere utilizzata per gli impianti che rientrano nel secondo Conto Energia. Le richieste relative al terzo Conto Energia dovranno essere presentate successivamente al primo gennaio 2011. La richiesta di incentivazione, completa di tutta la documentazione prevista dall’allegato 3 del decreto ministeriale dell’8 agosto 2010, deve essere inviata al Gse entro 90 giorni dalla data di entrata in esercizio degli impianti. Il mancato rispetto di questo termine comporta la non ammissibilità alle tariffe incentivanti per il periodo intercorrente tra la data di entrata in esercizio dell’impianto e la data di invio della domanda al Gse. Quest’ultimo, verificata la regolarità della documentazione, assicura l’erogazione della tariffa spettante entro 120 giorni dalla data di ricevimento della domanda. La tariffa incentivante e l’eventuale maggiorazione vengono riconosciute dal Gse per 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto: per gli impianti fotovoltaici con potenza nominale fino a 20 kW il pagamento viene effettuato dal Gse con cadenza bimestrale, mentre per gli impianti con potenza nominale superiore a 20 kW, il pagamento viene effettuato mensilmente. La deliberazione dell’Aecg prevede che possono usufruire delle tariffe gli impianti fotovoltaici a concentrazione (impianti di produzione di energia elettrica mediante conversione diretta della radiazione solare, tramite l’effetto fotovoltaico) che entrano in esercizio, a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale o parziale, dopo il 25 agosto 2010 ed entro il 31 dicembre 2010.

Continua a leggere su: Repubblica, Affari e Finanza

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>