Questo articolo è stato letto 58 volte

Fondo sperimentale di riequilibrio per Città metropolitane e Province

Il Ministero dell’interno mediante comunicato dell’8 settembre 2016 ha reso noto che con riferimento alle Province delle Regioni a statuto ordinario è stato firmato (in data 6 settembre 2016) ed inviato alla Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione, il Decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, concernente la ripartizione del Fondo sperimentale di riequilibrio delle Città metropolitane e delle province ricomprese nelle regioni a statuto ordinario, per l’anno 2016.
Gli importi delle singole quote del Fondo, al netto delle riduzioni e dei recuperi operati a vario titolo, sono indicati nell’allegato A del medesimo decreto e sono già stati resi noti e consultabili da parte degli Enti interessati con il comunicato del 12 luglio u.s.
Il provvedimento stabilisce, anche per l’anno 2016, la conferma delle modalità di riparto del Fondo sperimentale di riequilibrio a favore delle Città metropolitane e delle Province ricadenti nei territori delle Regioni a statuto ordinario, già adottate con precedente decreto del 4 maggio 2012

Per quanto concerne le Province delle Regioni a statuto speciale Siciliana e Sardegna, mediante il precedente comunicato del 13 luglio 2016 sono già stati resi noti e consultabili da parte degli Enti interessati i dati finanziari per le province ricadenti nei territori delle regioni Siciliana e Sardegna.

Si rammenta in ultima istanza  che anche per l’anno 2016 i trasferimenti erariali non oggetto di fiscalizzazione corrisposti dal Ministero dell’interno, in favore delle province appartenenti alle regioni Siciliana e Sardegna restano determinati in base alle disposizioni recate dall’articolo 10, comma 2, del decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 maggio 2014, n. 68.

>> SCARICA IL TESTO DEL DECRETO

>> SCARICA L’ALLEGATO A – CONTENENTE GLI IMPORTI DELLE SINGOLE QUOTE DEL FONDO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *