Questo articolo è stato letto 0 volte

Energia: Enel affianca comuni per realizzare “smart cities”

L’Enel e’ al fianco dei comuni italiani nella realizzazione delle citta’ sostenibili. ”Avendo una presenza molto importante sul territorio (copre l’85% della rete nazionale) – ha spiegato il direttore infrastrutture e reti dell’azienda italiana, Livio Gallo, in occasione dell’ ‘Italian Smart City Forum’ – sentiamo la missione di operare come innovatore tecnologico al servizio del paese, dei cittadini e dei nostri clienti. Per questo da anni siamo impegnati sul tema delle ‘smart grids’ e oggi anche su quello delle ‘smart cities’ (‘citta’ intelligenti’), che saranno sempre piu’ importanti per le generazioni future”.

Oggi Enel con 32 milioni di contatori, tutti tele-gestiti e tele-letti, ha ”la piu’ grande rete intelligente al mondo”, sottolinea Gallo, precisando che ”la collaborazione tra municipalita’ e aziende elettriche puo’ essere la chiave di volta per accelerare lo sviluppo di soluzioni energetiche sostenibili”. E la vera sfida della ‘Smart city’, secondo Livio Gallo ”e’ quella di integrare tutte le diverse tecnologie al servizio del cittadino” e di individuare ”un modello di business che consenta, dopo un primo periodo, un’autosostenibilita’ dal punto di vista del ritorno dell’investimento”. ”Molte citta’ italiane, sia del Sud che del Nord – secondo Gallo – possono concorrere” alla sfida lanciata dall’Unione Europea, che si appresta a selezionare 30 ‘Smart Cities’ destinate a diventare esempi tangibili della citta’ intelligente di domani. Per ogni Paese dell’UE verranno scelte due citta’ su cui far confluire investimenti pubblici e privati pari a 11 miliardi di euro per ogni centro nell’arco di dieci anni.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>