Questo articolo è stato letto 0 volte

Election day per più di mille comuni e 7 regioni, possibile dal 31 maggio

Oltre mille comuni e 7 regioni potranno andare al voto con l’election day del 31 maggio: il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’interno, Angelino Alfano, ha approvato un decreto-legge che fissa l’election day e stabilisce che la prima domenica utile è il 31 maggio 2015 per le attese elezioni regionali e amministrative. 

I comuni in cui si voterà per il rinnovo di consigli e sindaci sono 1.089 (il 13,5% del totale dei comuni italiani), tra cui 18 città capoluogo (di cui 2 con meno di 15.000 abitanti), guidati idealmente da Venezia, in mano al commissario dopo lo scioglimento del comune in seguito alle dimissioni del sindaco di centrosinistra Giorgio Orsoni per il suo coinvolgimento nell’inchiesta sul Mose.

Gli altri comuni capoluogo chiamati al rinnovo sono: Enna, Agrigento, Vibo Valentia, Matera, Andria, Chieti, Macerata, Arezzo, Rovigo, Trento, Bolzano, Mantova, Lecco, Aosta, Nuoro, Sanluri, Tempio Pausania.

Nella stessa giornata di maggio, destinata ad essere election day, si voterà anche nelle regioni: Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania, Puglia.

In tutto si tratterà di poco più di 17 milioni di italiani, il cui voto, inevitabilmente, verrà letto in termini di tenuta degli schieramenti e delle alleanze politiche a livello nazionale e del peso del Governo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *