Questo articolo è stato letto 0 volte

Dissesto, Orlando: entro due mesi regole più semplici e chiare in difesa del territorio

Le azioni contro il dissesto idrogeologico e il consumo di suolo sono frenate anche dalle incertezze di “governance”, cioè dalla sovrapposizione o dalla mancanza di competenze delle istituzioni sui diversi interventi a difesa del territorio. Per questo motivo “intendo avanzare entro due mesi una proposta per rendere chiare e definite le regole per combattere il dissesto”: così il Ministro dell’ambiente, Andrea Orlando, ha terminato l’incontro tenuto venerdì scorso con il gruppo di lavoro sul dissesto idrogeologico.

Il gruppo di lavoro è stato istituito dal Ministro per studiare strumenti più efficaci di difesa del territorio ed è formato da associazioni ambientaliste, categorie economiche, rappresentanze degli enti locali, ordini e organizzazioni professionali.

Il Ministro ha accolto un documento preparato dalle rappresentanze ambientaliste, professionali e istituzionali, un documento definito da Orlando “ricco di proposte e di buone idee”. L’applicazione di queste proposte può rappresentare un’azione rapida ed efficace per mitigare il rischio idrogeologico, il quale è accentuato in questi anni anche dai cambiamenti del clima, dall’abbandono delle colture collinari che costituiscono un presidio di controllo e manutenzione ed è accentuato anche dalla complessità delle regole.

L’obiettivo è superare la logica dell’emergenza e delle spese per riparare un danno già fatto, quando invece, secondo il documento, in molti casi bastano aggiustamenti normativi a costo zero per poter sbloccare i progetti di consolidamento del territorio minacciato.

(Fonte: Ministero dell’ambiente)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>