Questo articolo è stato letto 0 volte

Delega fiscale, decreti attuativi al vaglio di Renzi. Questa settimana riunione con Padoan

Procede a rilento al momento la macchina di attuazione della delega fiscale. Da quanto si apprende da fonti di governo, la settimana scorsa i lavori al Mef sui prossimi d.lgs. (catasto, fatturazione elettronica, fiscalità internazionale, giochi, cooperative compliance) sono stati pressocché fermi. I testi però, si apprende, sarebbero praticamente pronti, almeno per quanto riguarda il lavoro svolto da via XX settembre: ora si troverebbero all’attenzione di Palazzo Chigi e del premier Matteo Renzi, che dovrà anche decidere se portarli al prossimo C.d.M. In tal senso martedì e mercoledì di questa settimana, si apprende, ci saranno riunioni sul tema con il premier, il Ministro dell’economia Pier Carlo Padoan e gli staff tecnici di Chigi e Mef. 

In origine doveva essere il Consiglio dei Ministri del 20 febbraio quello in cui il governo, come annunciò lo stesso Renzi, avrebbe portato tutti i decreti di attuazione della delega fiscale (al momento ne sono stati emanati e convertiti in legge solo tre, escluso quello poi ritirato sull’abuso del diritto che conteneva la norma del 3% ‘salva Berlusconi’). Di settimana in settimana, però, l’approdo dei d.lgs. in C.d.M. è slittato fino ad oggi. Nel frattempo il governo ha inserito nel decreto Imu agricola, diventato legge giovedì scorso, la proroga di sei mesi per l’attuazione della delega fiscale. Avrà quindi tempo fino a giugno per presentare tutti i decreti delegati, e il Parlamento avrà tempo fino a settembre per esprimere i pareri e permetterne l’entrata in vigore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *