Questo articolo è stato letto 0 volte

Dati provinciali sulla base dei modelli F24

Si delinea la compartecipazione Iva sui consumi che i comuni avranno dal fisco municipale. Per legarla al territorio la commissione tecnica paritetica (Copaff) guidata da Luca Antonini sta pensando di utilizzare i dati del quadroVt delle dichiarazioni (che identificano l’Iva regionale), depurarla delle imprese multimpianto (cioè con sedi in più regioni) e ricorrere ai versamenti Iva tramite F24 per risalire al livello provinciale. In alternativa si potrebbe partire sempre dai dati Vt e poi ripartirli per teste sia a livello provinciale che comunale. Ipotesi che Antonini giudica «entrambe plausibili» e che permetterebbero di superare il criterio dei consumi Istat, che non considera l’evasione.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>