Questo articolo è stato letto 94 volte

Corsia privilegiata per l’accesso a fini difensivi

Accesso a fini difensivi

di SALVIO BIANCARDI

Deve essere accolta la richiesta di accesso, a fini difensivi, all’esito delle analisi condotte su campioni ambientali da una Autorità preposta alla tutela ambientale.
È quanto si legge nella sentenza del TAR Puglia del 10 agosto 2017, n. 1400.
La vicenda riguarda l’attività di analisi di scarichi industriali condotti dall’ARPA.
Una Società, aveva presentato richiesta di accesso agli atti nell’ambito di un procedimento di verifica avente a oggetto gli scarichi industriali da questa prodotti, avendo ricevuto una diffida da parte del Ministero dell’Ambiente. L’accesso aveva ad oggetto una serie di documenti tecnici elaborati dall’ARPA durante l’analisi dei campioni e la documentazione tecnico-analitica relativa ai controlli.
L’ARPA respingeva l’istanza, evidenziando che la documentazione richiesta non era amministrativa né conteneva dati ambientali.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>