Questo articolo è stato letto 4.083 volte

Correttivo Codice appalti: ecco il testo definitivo

Correttivo codice appalti

È disponibile il testo del Decreto Correttivo al Codice dei Contratti Pubblici (Nuovo codice appalti) nel testo definitivo inviato alla Ragioneria generale per la bollinatura. Ricordiamo che l’ok finale al Correttivo del nuovo codice appalti è giunto lo scorso 13 aprile. L’iter parlamentare del decreto legislativo correttivo del nuovo codice appalti (d.lgs n. 50/2016) si è dunque concluso.

All’interno del correttivo codice appalti sono previste oltre 250 modifiche al d.lgs. n. 50/2016, molte delle quali costituiscono innovazioni sostanziali e “di sistema”, finalizzate al rilancio del settore degli appalti, alla maggiore tutela del lavoro, alla “semplificazione” delle procedure e al rafforzamento dei principi di concorrenza e trasparenza.

Correttivo codice appalti: le novità

L’intervento apporta modifiche e integrazioni al Codice, volte a perfezionarne l’impianto normativo confermandone i pilastri fondamentali, in modo da perseguire efficacemente l’obiettivo dello sviluppo del settore. Nell’introdurre tali modifiche, il Governo ha tenuto conto delle consultazioni effettuate dal Parlamento, delle osservazioni formulate dall’ANAC e delle considerazioni del Consiglio di Stato. Sono state tenute in considerazione, inoltre, le segnalazioni dei responsabili unici del procedimento effettuate nell’ambito delle consultazioni della Cabina di regia istituita dallo stesso Codice, nonché quelle effettuate in attuazione della legge delega, che prevedeva la consultazione, da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e sentita l’ANAC, delle principali categorie di soggetti destinatari del provvedimento correttivo. Sono state, pertanto, esaminate 502 proposte di modifica pervenute dagli stakeholder, 94 proposte normative trasmesse dalla Cabina di regia e 110 richieste di modifica pervenute da soggetti non invitati formalmente alla consultazione pubblica, ma che hanno comunque inviato i propri contributi.

Sul nuovo testo sono infine stati acquisiti i pareri della Conferenza unificata, del Consiglio di Stato e delle competenti Commissioni parlamentari.

>> CONSULTA IL TESTO DEFINITIVO DEL CORRETTIVO INVIATO ALLA RAGIONERIA GENERALE PER LA BOLLINATURA.

>> Vai alla PAGINA SPECIALE  sul NUOVO CODICE APPALTI.

>> Leggi anche l’articolo del nostro esperto Luigi Oliveri intitolato Correttivo codice appalti: come cambia l’affidamento diretto?

FORMAZIONE
Gli appalti pubblici dopo il Decreto correttivo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>