Questo articolo è stato letto 0 volte

Controlli più stringenti sulla spesa pubblica

Fonte: Il Sole 24 Ore

Dal rafforzamento dei sistemi di verifica e contenimento della spesa pubblica, al varo di nuove disposizioni sanitarie per la tutela della salute alimentare. Questi gli altri provvedimenti che saranno esaminati oggi dal Governo impegnato nell’approvazione della manovra economica e del disegno di legge delega per la riforma fiscale. Sul tavolo di Palazzo Chigi, approda infatti per il sì definitivo lo schema di Dlgs per la riforma dei controlli di regolarità amministrativa e contabile e potenziamento dell’attività di analisi e valutazione della spesa. Il decreto che dà attuazione alla nuova legge di contabilità di Stato (legge n. 196/2009) ha incassato il via libera delle commissioni parlamentari e della Corte dei conti. Le nuove norme riguardano l’affinamento delle metodologie per la definizione dei fabbisogni di spesa, nonché la verifica e il monitoraggio delle misure adottate per migliorarne la gestione. Il controllo preventivo di regolarità contabile riguarderà tutti gli atti da cui derivino effetti finanziari per il bilancio dello Stato e, in primo luogo, quelli relativi alle assunzioni nonché al trattamento giuridico ed economico del personale statale in servizio. Le procedure di nulla osta vengono snellite: il termine ordinario per il controllo dei provvedimenti contrattuali viene, infatti, ridotto a 30 giorni, in linea con le prescrizioni stabilite per i contratti pubblici. Criteri più stringenti anche nel settore delle opere di interesse pubblico. I funzionari avranno l’obbligo di motivare e di rendicontare per ciascun progetto i motivi che non abbiano consentito di concludere gli interventi nei tempi prestabiliti. Sulla corretta osservanza delle nuove disposizioni vigilerà il ministero dell’Economia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *