Questo articolo è stato letto 0 volte

Città intelligenti e risparmio energetico, ecosindaci in campo

Comuni sempre più verdi, realtà intelligenti e innovative, città che si candidino ad essere realtà europee nell’ambito della strategia comunitaria «Smart Cities» : tre obiettivi che Anci si è data in tema di energia e ambiente e sui cui concentra gli sforzi in supporto dei comuni. L’innovazione verde è uno dei temi principali di cui si discute nel corso dell’Assemblea Anci di Padova. Ecosindaci e Kyoto. Il primo binario su cui si muove l’Anci è il Patto dei sindaci, lanciato dall’Unione europea nel 2008 nell’ambito del piano SEE (Sustainable Energy Europe) per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale entro il 2020. Un’iniziativa, coordinata dal ministero dell’ambiente che dalle 28 città italiane presenti alla cerimonia del Patto (Bruxelles, 10 febbraio 2009) a tutt’oggi ha visto l’adesione di 545 comuni che, sia pure senza dotazione finanziaria diretta, raccolgono su base volontaria la sfida lanciata dal patto: predisporre un piano di azione con l’obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorino l’efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia. Il SEE ha tra i suoi obiettivi quello di accrescere la consapevolezza e modificare la produzione e l’utilizzo dell’energia nell’ottica anche del raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto. Convenzione Anci-Minambiente. La presenza dell’Anci in questo settore si fa sentire. Ne è un esempio la convenzione dell’Associazione con il ministero dell’ambiente sul Poi energia, che stabilisce quattro azioni per i comuni delle regioni dell’Obiettivo convergenza (Sicilia, Calabria, Campania, Puglia): realizzare interventi di diagnosi energetica sul patrimonio comunale; interventi di diagnosi energetica delle strutture sanitarie; predisporre uno studio di fattibilità e progettazione di massima di interventi esemplari presso grandi impianti sportivi; svolgere infine attività di attuazione e accompagnamento che supportino l’attuazione degli interventi definiti. Edifici pubblici sicuri. Accanto a questi obiettivi, la direttiva Ue 28/2009 e la direttiva 31/2010 si traducono in impegni precisi. È dunque necessario, per la Convenzione, svolgere una ricognizione e valutazione sotto il profilo energetico delle condizioni delle strutture edilizie pubbliche comunali e la loro diagnosi energetica e certificazione, questo per permettere la realizzazione degli interventi. Una ricognizione analoga dovrà essere fatta anche per le strutture sanitarie. Un altro settore di intervento riguarda le strutture sportive, che dovranno essere valutate individuando interventi in grado di migliorarne l’efficienza energetica metterle in grado di produrre anche fonti rinnovabili; il tutto insieme alla messa in sicurezza degli impianti, dotazioni come quella per la raccolta differenziata dei rifiuti ed una riqualificazione a livello estetico. Banca dati e partecipazione. Per il monitoraggio delle azioni sarà costituita una banca dati delle esperienze a livello europeo e Anci si occuperà di accompagnare i comuni come il supporto tecnico per la partecipazione ai bandi, la realizzazione di analisi di fattibilità tecniche e di progettazione esecutiva, trasmissione di informazioni specifiche e documenti standard (come le delibere-tipo). Tra gli obiettivi da raggiungere non manca il coinvolgimento della popolazione, magari con uno sportello virtuale, per favorire la partecipazione a queste azioni. La Convenzione si propone di facilitare la definizione delle risorse aggiuntive e della partnership tra pubblico e privato per la realizzazione degli interventi, coinvolgendo soggetti e filiere d’imprese locali e università. Il protocollo con Acri. Anci ha siglato, a giugno di quest’anno, un protocollo d’intesa con Acri (Associazione che rappresenta le Fondazioni di origine bancaria) per la promozione, presso i propri associati, dello sviluppo di progetti e iniziative per l’educazione e la formazione ambientale, tutela e valorizzazione delle biodiversità, promozione del risparmio energetico e delle energie rinnovabili. Un protocollo che stabilisce la condivisione comune degli obiettivi di tutela dell’ambiente, la promozione di stili di vita sostenibili. E se l’Acri si impegna, tra l’altro, a sollecitare le Fondazioni alla destinazione di risorse economiche per queste iniziative e sviluppare progetti e iniziative congiuntamente ai comuni, l’Anci si propone di sensibilizzare questi ultimi alla buona gestione degli edifici pubblici e l’adozione di condotte di risparmio energetico,. Smart cities. Il terzo binario su cui si muove l’attività dell’Anci è il progetto Smart Cities. La dotazione finanziaria al momento è di 10-12 miliardi di euro per i prossimi dieci anni, Anci promuove l’evoluzione dei comuni in maniera sostenibile e intelligente con l’inserimento degli smart services, servizi innovativi dedicati ai cittadini, nella programmazione comunale.

Continua a leggere su: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>