Questo articolo è stato letto 0 volte

Certificati fai-da-te, si fa prima

Fonte: Italia Oggi

Chi vuole accelerare la burocrazia agli sportelli del Pra o degli studi di consulenza automobilistica deve utilizzare le dichiarazioni sostitutive di certificazioni. L’alternativa è infatti rappresentata dall’acquisizione d’ufficio delle informazioni da parte del gestore di un pubblico servizio con tutti i problemi tecnici e di tempestività connessi a questa scelta. Lo ha spiegato l’Aci con la circolare n. 1206 del 27 gennaio 2012. La legge n. 183/2011 ha introdotto importanti novità nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione specificando che dal 1° gennaio «i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione e dalle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà di cui agli artt. 46 e 47 del dpr 445/2000». Per dettagliare meglio gli effetti di questa rivoluzione l’Aci ha divulgato le prime istruzioni agli uffici periferici già con la circolare n. 14877/2011. Costituisce violazione grave dei doveri d’ufficio, specifica innanzitutto la nota 14877, la semplice richiesta e l’accettazione di certificati o atti ufficiali. Queste certificazioni d’ora in poi avranno valore solo tra soggetti privati. Con la circolare in commento l’associazione romana ha fornito indicazioni più precise riferibili sia alla pubblica amministrazione che a tutti i gestori di pubblici servizi. L’acquisizione dei dati per una pratica automobilistica, specifica l’Aci ora può avvenire con due modalità ben distinte ovvero con acquisizione d’ufficio delle informazione necessarie o con la fornitura diretta delle informazioni da parte dell’utente attraverso dichiarazioni sostitutive di certificazioni. Le due soluzioni sono alternative, prosegue la nota, ma in mancanza di una piena interoperatività delle diverse banche dati delle amministrazioni pubbliche interessate quella delle dichiarazioni sostitutive appare la più veloce per la definizione delle formalità. In pratica se l’utente fornisce allo sportello solo le indicazioni degli elementi necessari per attivare l’acquisizione d’ufficio dei dati mancanti la procedura si perfezionerà con l’effettivo reperimento dell’informazione richiesta. Diversamente «il riscontro delle informazioni contenute nelle dichiarazioni sostitutive (_) avviene di norma, invece, in un momento successivo alla loro presentazione e al perfezionamento della formalità stessa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *