Questo articolo è stato letto 1 volte

CdR, cultura: Presidente Bresso firma dichiarazione di Avignone

“Del mercato interno non ci si innamora” è una frase di Jacques Delors rimasta famosa. L’ex Presidente della Commissione europea, secondo il quale “l’Europa ha bisogno di un’anima”, ha incontrato il 13 luglio scorso la Presidente del Comitato delle regioni (CdR) Mercedes Bresso, politici regionali ed esperti ad Avignone per discutere del rafforzamento della dimensione culturale europea. I partecipanti all’incontro hanno firmato la dichiarazione di Avignone che chiede all’UE una politica culturale forte.
Nell’incontro dal titolo “Quali politiche culturali per le regioni dell’Europa di oggi?”, la rete Relais Culture Europe e il prestigioso Festival di Avignone riuniscono politici regionali, artisti e manager culturali per discutere del futuro della politica culturale europea. La Presidente del CdR Mercedes Bresso, la Vicepresidente del Consiglio regionale dell’Ile-de-France, e Presidente dell’Assemblea delle regioni d’Europa Michèle Sabban, il Presidente del Consiglio regionale della Champagne­Ardenne e membro del CdR Paul Bachy oltre ai rappresentanti regionali e locali partecipanti all’incontro firmeranno quindi la dichiarazione di Avignone, con cui si esorta l’UE a garantire un miglior riconoscimento del ruolo della cultura e della creazione artistica nella strategia Europa 2020 e nei prossimi programmi di finanziamento.
Nelle parole della Presidente del CdR Bresso: “come diceva uno dei padri fondatori dell’Unione europea, fare l’Europa non vuol dire formare una coalizione di Stati, ma unire le persone . La cultura e il dialogo interculturale hanno un ruolo primario da svolgere in questo processo. Le nostre regioni e le nostre città finanziano numerose attività culturali, ma parallelamente abbiamo anche bisogno di una politica europea ambiziosa complementare a questi sforzi”.
Secondo la Presidente Bresso, di fronte alla crisi attuale, agli enti locali e regionali incombe una grande responsabilità nel sostegno delle attività culturali e nel mantenimento del patrimonio europeo. Il settore culturale fornisce un contributo essenziale alla competitività delle nostre regioni e delle nostre città, creando un ambiente piacevole e dinamico che è un requisito dello sviluppo e spesso della coesione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>