Questo articolo è stato letto 1 volte

Carta d’identità trilingue nei centri ladini

BOLZANO – La giunta provinciale ha deciso di dare seguito alla norma di attuazione dello Statuto di autonomia che prevede, per otto Comuni ladini della valli Gardena e Badia, l’emissione di carte d’i-dentità con le dizioni nelle tre lingue provinciali, italiano, tedesco e ladino. Oltre alla carta d’identità trilingue nelle valli ladine, il documento personale di riconoscimento sarà emesso in forma trilingue anche dal Comune di Castelrotto per gli abitanti delle frazioni ladine di Bulla e Oltretorrente. La giunta provinciale intende infatti giungere anche ad una modifica in tal senso della relativa norma di attuazione. «La carta d’identità trilingue, con la versione ladina, è un importante riconoscimento della minoranza»: così l’asses-sore provinciale alla cultura ladina Florian Mussner commenta il via libera della giunta alla sua proposta del documento personale trilingue per i comuni delle valli Badia e Gardena. L’approvazione della giunta dà via libera alla norma di attuazione e al decreto legge del 4 aprile 2006 che riconoscono ai Comuni ladini la possibilità di stampare la carta di identità trilingue, con la dizione in ladino accanto a quella in italiano e in tedesco. «Un grande passo avanti per la popolazione ladina e un significativo riconoscimento della minoranza, con un documento valido a livello nazionale e internazionale», sottolinea l’assessore Mussner. Sulla base di una ricerca scientifica condotta dall’Istituto culturale ladino Micurà de Rü si è individuata una forma linguistica comune che potesse identificarsi sia con la val Badia che con la Gardena. «Ora la proposta segue un iter definito, passando dalla Provincia al Commissario del governo e al ministro competente per la firma dello specifico decreto », spiega Mussner. Analogo iter è in corso per la carta d’identità trilingue della val di Fassa in Trentino: la proposta inviata dalla Provincia di Trento nel dicembre 2008 è stata trasformata in decreto minsiteriale un anno dopo e ora si attende la stampa del documento da parte del Poligrafico dello Stato. Oltre agli 8 Comuni ladinidi Gardena e Badia, della nuova carta d’identitá trinlingue beneficeranno anche le frazioni di Oltretorrente, Roncadizza e Bulla nel comune di Castelrotto.

Continua a leggere su: Corriere dell'Alto Adige

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>