Questo articolo è stato letto 0 volte

Cani, stretta dei vigili su chi sporca

Dopo le doppie file, le deiezioni canine che non vengono raccolte dai cittadini. Il nuovo piano della polizia municipale è quasi pronto, mancano gli ultimi dettagli e presto sarà portato all’attenzione dei sindacati. I vigili urbani potenzieranno i controlli per assicurare più igiene in città e soprattutto per prevenire il problema che dopo quello della sosta selvaggia rende poco vivibile l’esistenza in città. Il comandante della polizia municipale Stefano Donati, dopo aver tastato il funzionamento dello “Street control”, è al lavoro per la definizione di un nuovo progetto. Una rivoluzione per la città. È stato lo stesso sindaco Michele Emiliano, in colloquio con il consigliere comunale Emanuele Martinelli, che ha la delega alla polizia municipale, e con il comandante Donati, a sollecitare più controlli contro un problema molto diffuso a Bari dove passeggiare per le vie del centro come della periferia molto spesso rappresenta un percorso ad ostacoli a causa della presenza di deiezioni canine. Così è stato elaborato un piano di intervento che parte da un presupposto: con l’attivazione dello “Street control” sarà possibile diminuire le unità di vigili urbani, attualmente impegnati nei controlli contro le doppie file. La telecamera, installata sul parabrezza di un’auto della polizia municipale, consente di accorciare i tempi: in due ore, secondo quanto emerso al termine della sperimentazione, ad esempio, gli agenti hanno virtualmente multato sessanta automobilisti, parcheggiati in doppia fila. La telecamera, infatti, filmando i numeri di targa delle vetture in sosta vietata, trasmette i dati ad un sistema informatico e la multa è automatica. Per il momento i vigili non hanno erogato sanzioni, lo faranno non appena, con ogni probabilità la prossima settimana, il sistema entrerà in funzione. I vigili urbani potranno dedicare meno impegno e meno forze per combattere il problema delle doppie file e quindi dedicarsi ad altre emergenze e la priorità, in questo momento, è quella dell’igiene o comunque delle deiezioni canine. Il piano che il comandante Donati sta elaborando è molto semplice: i vigili in borghese e quindi assicurando un effetto sorpreso si concentreranno non più soltanto sugli automobilisti indisciplinati ma su coloro che portano a spasso i cani e che non puliscono poi a dovere marciapiedi e strade. Per farlo dovranno essere modificati i turni. Quelli del mattino non dovranno più cominciare alle sette del mattino, ma alle sei quando cioè molti cittadini escono dalle proprie abitazioni con i cani. I controlli, in altri termini, non saranno lasciati al caso, ma saranno predisposti, in alcune fasce orarie piuttosto che in altre. Perché il piano possa diventare realtà, è necessario però l’ok dei sindacati. Ma l’orientamento è comunque chiaro: c’è una regola, quella di raccogliere le deiezioni dei cani, e i cittadini devono rispettarla. In caso contrario per loro scatterà una sanzione di poco meno di cinquanta euro e una denuncia. Il sindaco, infatti, a luglio ha firmato un’ordinanza che introduce la segnalazione all’autorità giudiziaria per coloro che non rispettano alcune norme in materia di igiene pubblica. E la multa potrebbe anche lievitare. La giunta comunale, nella seduta della scorsa settimana, ha approvato una delibera che inasprisce le sanzioni. Chi non raccoglie le deiezioni canine rischia di pagare un verbale di 300 euro. Il provvedimento dovrà ora essere esaminato dal consiglio comunale.

Continua a leggere su: Repubblica, Bari

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>