Questo articolo è stato letto 1 volte

Brunetta: «Sacrificio trascurabile»

«Quest’anno i lavoratori pubblici non potranno disporre liberamente di tutte e quattro le giornate di riposo per le festività soppresse», perché una di queste va usata obbligatoriamente il 17 marzo. Renato Brunetta, intervenendo ieri alla camera, ha ribadito il meccanismo previsto dal Dl 5/2011 per festeggiare il 150esimo dell’Unità d’Italia senza costi aggiuntivi per il bilancio pubblico. «È un sacrificio trascurabile», ha concluso il ministro. Rimane però da chiarire il problema del 4 novembre, che nel pubblico impiego non è una festività soppressa, e rischia di esporre il meccanismo a contenziosi.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>