Questo articolo è stato letto 0 volte

Bresso, “Riconoscere il maggiore ruolo assegnato alle regioni e alle città”

La Presidente del Comitato delle regioni (CdR) Mercedes Bresso ha riunito a Bruxelles il Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, e i presidenti delle associazioni europee degli enti regionali e locali per fare in modo che i dibattiti sulle riforme chiave dell’UE tengano conto delle richieste delle regioni e delle città.
Questi ultimi hanno esortato la Commissione europea a riconoscere, nelle discussioni sulla strategia Europa 2020, sulla politica di coesione e sul futuro bilancio dell’UE, il maggiore ruolo assegnato alle regioni e alle città dal Trattato di Lisbona.
I leader regionali e locali hanno sottolineato che il loro sostegno alle future proposte della Commissione dipenderà dalla disponibilità dell’esecutivo europeo a porre al centro l’approccio territoriale.
La strategia Europa 2020 o la riforma del bilancio dell’UE possono essere realizzate con successo soltanto se sviluppati e attuati tramite una governance multilivello, che comporti un’appropriazione e una responsabilità condivisa da parte di tutti i livelli di governo. Gli enti regionali e locali invitano a un’attuazione coerente del principio di coesione territoriale sancito dal Trattato, che esige un migliore coordinamento tra i diversi livelli di governo. La coesione territoriale non rappresenta soltanto un obiettivo: essa deve diventare il principio guida nell’attuazione di tutte le politiche dell’UE.
Per quanto riguarda la futura riforma del bilancio dell’UE, i leader regionali e locali hanno invitato la Commissione europea a riconoscere che l’approccio integrato e territoriale si è dimostrato essere il più efficace. La crisi dovrebbe mettere in moto una riforma del bilancio dell’Unione che renda più facile combinare i fondi dell’UE. Se da un lato i leader hanno insistito sul fatto che il bilancio non deve essere ridotto, dall’altro hanno chiesto una revisione completa delle modalità di concessione dei fondi che, essendo troppo burocratiche, spesso ostacolano un uso efficiente dei finanziamenti.
Alla vigilia dell’incontro, il Presidente della Commissione José Manuel Barroso ha affermato: “Sono molto lieto di incontrare, insieme alla Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso, i rappresentanti delle regioni e delle città d’Europa. Insieme saremo in grado di far imboccare all’Unione europea la strada del consolidamento fiscale e delle riforme strutturali, necessari per garantire all’Europa una crescita e un’occupazione sostenibile. Confido in un dialogo fruttuoso e conto sulla partecipazione attiva delle regioni e delle città all’attuazione della nostra strategia Europa 2020.”
La Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso ha sottolineato che: “La Commissione europea può contare sul […] pieno sostegno [del CdR] per gli importanti progetti di riforma europea attualmente in corso. Nondimeno, gli enti regionali e locali si attendono dal Presidente Barroso che la Commissione tenga conto dell’impatto territoriale nell’elaborazione delle nuove normative, coltivi un dialogo costante con quanti applicano la legislazione UE sul campo e riduca ovunque possibile la burocrazia onde alleggerire gli oneri amministrativi superflui.”
Il Presidente Barroso ha altresì annunciato che intende proseguire il dibattito con il CdR agli Open Days in ottobre e alla sessione plenaria di dicembre.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>