Questo articolo è stato letto 0 volte

Bici mezzo più ecologico, arriva ‘giretto d’Italia 2011′

Tutti in sella con il “Giretto d’ Italia 2011″ per promuovere la bicicletta come mezzo di trasporto in città, ecologico e sano. L’idea, lanciata da Legambiente, Città in Bici e Federazione italiana amici della bicicletta (Fiab), è quella di coinvolgere i comuni italiani in una sfida senza precedenti: vince la città dove il maggior numero di persone si sposta in bici, in proporzione al numero complessivo di abitanti.
Ecco allora tre categorie di partecipanti: città grandi, medie e piccole. L’importante nella gara sarà rispettare le stesse regole: in un giorno infrasettimanale tra la fine di aprile e l’inizio di maggio e in una fascia oraria definita (fra le 7.30 e le 9.30), nel territorio comunale verranno organizzati tre check point in tre zone diverse, con il compito di monitorare tutti i veicoli in transito.
Al passaggio di una bici si guadagnano più punti, si vincono bonus se passano pedoni e bus, mentre saranno attribuite penalità quando tocca ad automobili e scooter. Ogni città, all’interno della settimana scelta dall’organizzazione, potrà decidere il giorno in cui disputare la sfida, ma una volta scelto, solo condizioni di maltempo o avvenimenti eccezionali potranno modificare la data.
Partirà invece all’insegna dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia il progetto “La strada giusta”, messo a punto dal comune di Chiaravalle (Ancona), che prende il via il prossimo 26 aprile. Qui toccherà a gruppi di volenterosi in bicicletta, da Marsala a Torino, portare in tutte le città la Costituzione italiana. Secondo il programma, la carovana di due ruote partirà dalla città di Marsala, simbolo dello sbarco dei Mille. Cinque i percorsi possibili: Marsala-Firenze; Bari-Reggio Emilia-Torino; Trieste-Milano; Cagliari-Genova; Aosta-Torino.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>