Questo articolo è stato letto 0 volte

Bici boom, 5 milioni italiani in sella

L’Italia riscopre la bicicletta, sempre più mezzo di trasporto urbano quotidiano e non solo veicolo di sport e svago. A dirlo sono i dati del clamoroso sorpasso delle due ruote sull’automobile: nel corso del 2012, infatti, per la prima volta dopo 48 anni in Italia sono state vendute 1.748.000 bici a fronte di 1.450.000 automobili. 
Sarà la crisi, sarà il prezzo del carburante, sarà la stanchezza del traffico e la voglia di fare una vita meno sedentaria, ma in Italia, secondo i dati del Ministero delle infrastrutture e trasporti, è bici boom: l’uso delle due ruote nei giorni feriali è più che triplicato a partire dal 2001 quando i ciclisti urbani erano appena il 2,9% della popolazione adulta. Oggi la percentuale di utenti della strada a pedali è schizzata al 9%, un vero record: si tratta in numeri assoluti di 5 milioni di persone che utilizzano la bicicletta per gli spostamenti almeno 3 o 4 volte a settimana.
“La voglia di mobilità nuova va sostenuta e incentivata – ha spiegato il Sottosegretario alle infrastrutture e trasporti Erasmo D’Angelis, che ha la delega del Governo e del Ministro Lupi per la sicurezza stradale e la riforma del codice della strada, presentando il 13 settembre scorso a Roma i mondiali di ciclismo in programma in Toscana dal 22 al 29 settembre – l’Italia è pronta per una ciclorivoluzione e la politica ha il compito di dare risposte giuste e concrete a questa forte domanda di mobilità alternativa”.
“Le norme attuali vanno riviste – ha aggiunto -e considerando questo scenario positivo è importante che i diritti e i doveri esprimano con chiarezza anche la necessità per tutte le categorie di utenti, e in particolare per i ciclisti, di essere più responsabili e condividere le misure di prevenzione e sicurezza adottando dispositivi e sistemi di segnalazione”.

(Fonte: Ansa)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>