Questo articolo è stato letto 0 volte

Beni della Regione 21 milioni in rosso

Alla fine dei conti si sono persi quasi 21 milioni. È il bilancio che la Regione ha completato sul suo stesso stato patrimoniale. Bilancio pubblicato ieri dal Burc. Ne è risultato che, fra fabbricati e terreni più i beni mobili, il patrimonio ascrivibile alla Regione era nel 2008 di 1 miliardo 86 milioni e 614588 euro. A fine 2009 invece è stato ratificato 1 miliardo 66 milioni 847725. Una perdita dovuta in buona sostanza al patrimonio immobiliare, il cui valore cala di oltre 55 milioni (45 dai fabbricati e 10 dai terreni). Il tutto sarebbe dovuto al naturale deprezzamento, ov-vero «le diminuzioni delle quotazioni dell’Osservatorio del mercato immobiliare per i fabbricati e le variazioni dei valori agricoli medi per i terreni». Fra i fattori negativi continuano a esserci anche i redditi derivanti da fitti o concessioni. Proventi sui quali spesso pende un contenzioso e che comunque vengono giudicati inadeguati trattandosi di canoni e contratti spesso stipulati nei primi anni del 2000 e non ancora aggiornati. Un dato positivo riguarda invece la partecipazione a società. A conti fatti durante il 2009 il valore complessivo del capitale sociale regionale è cresciuto di oltre 36 milioni.

Continua a leggere su: Repubblica, Napoli

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>