Questo articolo è stato letto 287 volte

Bando Tipo 1/2017 ANAC: il testo definitivamente approvato

Bando Tipo 1/2017 ANAC: il testo definitivamente approvato

È stato pubblicato il testo definitivamente approvato del Bando tipo 1/2017. Si tratta dello schema disciplinare di gara per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo. Lo schema è disponibile attraverso la delibera ANAC 22 novembre 2017, n. 1228.
Ecco in sintesi alcune delle indicazioni contenute nel documento approvato in via definitiva dall’ANAC: tutti i dettagli sulle cause di esclusione, con l’elenco delle carenze che possono essere sanate in corsa. Chiarimenti in materia di subappalto, a partire dalle indicazioni sulla terna, e su molti altri punti controversi: la suddivisione in lotti, il rating di legalità e il rating di impresa, l’avvalimento, i criteri delle offerte. In estrema sintesi  il bando tipo n. 1/2017 si concentra sui servizi e le forniture sopra la soglia comunitaria di 209mila euro: un testo di rilevanza strategica, che impatta su un mercato potenziale da 86mila bandi per oltre 90 miliardi di euro.
La relazione illustrativa dell’ANAC illustra gli obiettivi del documento: “Fornire alle stazioni appaltanti uno strumento a garanzia di efficienza, standard di qualità dell’azione amministrativa e omogeneità dei procedimenti”. In sostanza, in tutte le situazioni dubbie l’Autorità Anticorruzione, analizzando i diversi orientamenti interpretativi, dice esplicitamente alle stazioni appaltanti come devono comportarsi. E fornisce così uno strumento applicativo che viaggia in parallelo rispetto alle linee guida attuative del codice degli appalti.
“Il presente lavoro, alla luce del nuovo codice – si legge in sede di premessa alla Nota illustrativa – adotta il Bando tipo generale servizi e forniture nei settori ordinari sopra soglia comunitaria con il criterio dell’offerta più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità prezzo, così perseguendo l’obiettivo di fornire alle stazioni appaltanti uno strumento a garanzia di efficienza, standard di qualità dell’azione amministrativa e omogeneità dei procedimenti (art. 213). Si tratta, invero, dello schema di Disciplinare di gara, che presenta aspetti di complessità maggiore rispetto al mero Bando di gara e, dunque, esigenze di orientamento e standardizzazione più avvertite dalle stazioni appaltanti. Il lavoro di redazione dello schema di Disciplinare avviene, infatti, all’esito della considerazione degli orientamenti più consolidati e aggiornati dell’opera interpretativa dell’ANAC e del Consiglio di Stato, nonché dello scambio di informazioni e delle migliori pratiche constatate presso le amministrazioni aggiudicatrici”.

>> CONSULTA IL BANDO TIPO ANAC 1/2017.

Disponibili anche
>> NOTA ILLUSTRATIVA,
>> RELAZIONE AIR.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>