Questo articolo è stato letto 0 volte

Auto blu, a Perugia arriva lo sponsor

Auto di servizio in comodato d’uso gratuito in cambio del marchio del concessionario fornitore sui mezzi ma anche su altro materiale dell’ente: è l’idea della Provincia di Perugia per abbattere i costi. Concretizzata in un bando, ormai scaduto. Sul numero di offerte giunte l’amministrazione non fornisce indicazioni ma probabilmente domani la procedura sarà definita con l’apertura delle buste.
“Un’idea che abbiamo avuto prima che nella manovra del Governo comparisse la proposta di eliminare le province”, rivendica parlando con l’ANSA il presidente di quella di Perugia Marco Vinicio Guasticchi, 49 anni, Pd (area ex Margherita), che guida una giunta di centro-sinistra. “E che stimiamo ci possa portare – aggiunge – un risparmio per il bilancio di circa 40 mila euro”. Il bando, riservato agli autoconcessionari, ha riguardato due auto e una monovolume da destinare ad attività di servizio della Provincia di Perugia. Come gli spostamenti dei tecnici e degli stessi amministratori. “A carico nostro – dice ancora Guasticchi – sarà solo il costo del carburante mentre tutto il resto, manutenzione compresa, lo pagherà il concessionario”. Questo in cambio potrà mettere il suo marchio accanto a quello dell’ente. Sulle vetture ma anche sul sito istituzionale e su altro materiale informativo.
“Un nuovo modo per gestire i nostri servizi di trasporto – sottolinea Guasticchi -, sfruttando la grande attrattiva che ha il simbolo della Provincia. Per valorizzare al massimo tutte le nostre potenzialità. Pensiamo di avere aperto così una strada nuova”. La Provincia di Perugia pensa tra l’altro di sfruttare il sistema delle sponsorizzazioni in cambio del comodato d’uso gratuito anche per le auto blù, il cui numero è stato recentemente ridotto da sei a due. “Pensiamo di farlo – afferma il presidente – non appena terminati i contratti di noleggio attualmente in essere. Tra i progetti che abbiamo in programma quello di collocare plance pubblicitarie lungo le principali strade provinciali. Speriamo di poter mettere in pratica tutte le nostre idee – conclude Guasticchi – nonostante la manovra governativa, ma se questo non sarà possibile ci auguriamo che tutto venga raccolto da chi dovesse eventualmente prendere il nostro posto”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>