Questo articolo è stato letto 0 volte

Arrivala service tax all’1 permille

Nella tassazione immobiliare sta per irrompere un altro acronimo con cui gli italiani dovranno familiarizzare il prima possibile: il Trise (Tributo sui servizi comunali) che dal 2014 sostituirà la Tares. Sarà gestito dai Comuni e avrà due gambe: la Tari sui rifiuti e la Tasi sulle prestazioni indivisibili. La prima sarà calcolata sulla superficie calpestabile; la seconda partirà da un’aliquota dell’1 per mille o da un corrispettivo di 1 euro a metro quadro, che si sommeranno alle aliquote Imu e daranno vita al tetto massimo dell’imposizione. Imposta municipale che, dal canto suo, non si pagherà più sulla prima casa (se non di lusso).

A grandi linee dovrebbero essere questi i pilastri della riforma del prelievo sul mattone contenuta nella bozza del disegno di legge di stabilità che è atteso oggi in Consiglio dei ministri. Un blocco di norme che, al di là delle smentite di Palazzo Chigi e dell’Economia, dovrebbe resistere al lavoro di “taglia e cuci” del testo in cui si stanno cimentando i tecnici del governo. Anche se dal ministero dell’Ambiente danno la partita tutt’altro che chiusa perché negli articolati circolati ieri non veniva recepita la Tarip (cioè la «tariffa puntuale» calcolata sulla quantità di rifiuti prodotti) come punto d’arrivo della Tari.

A ogni modo, dal 2014 al posto della Tares dovrebbe comparire il Trise. Con le sue due componenti citate: la Tari che servirà a coprire i costi del servizio di raccolta dei rifiuti e la Tasi che garantirà il rimborso dei servizi indivisibili offerti dai municipi. Un’impostazione che ricalca pressoché interamente quella anticipata sul 24 Ore del 13 ottobre. Eccezion fatta per l’aliquota di partenza della Tasi. Che non dovrebbe più essere fissata al 3 per mille oppure a 30 centesimi a metro quadro, bensì all’1 per mille o a 1 euro a metro quadro. Saranno i Comuni a decidere quale dei due sistemi applicare. Fermo restando che il tetto massimo dell’imposizione non potrà superare l’aliquota massima dell’Imu più la predetta maggiorazione. Ciò significa che la somma della “vecchia” imposta municipale e della “nuova tassa” sui servizi potrebbe arrivare al 5 per mille sulla prima casa e all’11,6 per mille sugli altri immobili.

Il legame tra Imu e Tasi non si ferma qui visto che la prima costituirà la base imponibile della seconda. Seppure in una versione riveduta e corretta. La legge di stabilità punterebbe infatti a istituzionalizzare la cancellazione del prelievo sull’abitazione principale. Andando incontro, dunque, alle richieste del Pdl che ha già ottenuto l’eliminazione dell’acconto di giugno per il 2013 e nei prossimi giorni potrebbe incassare anche lo stop al saldo. Se venisse confermata la formulazione contenuta nella bozza di ieri del Ddl, l’Imu sulla prima casa la pagherebbero solo i proprietari di un immobile di pregio appartenente alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. Con una stretta ulteriore rispetto al sistema odierno visto che la detrazione per ogni nucleo familiare potrebbe essere limitata a 200 euro al posti dei 600 per chi ha 4 figli.

Il restyling dell’Imu nella stabilità dovrebbe esaurirsi qui. Nonostante sia presente nel testo la deducibilità al 50% del prelievo sui capannoni dall’Irpef e dall’Ires ma non dall’Irap potrebbe slittare a un successivo provvedimento. Così come il ritorno dell’imposta sui redditi per le case non locate che servirebbe a coprirla.

Tornando per un attimo alla Tasi va sottolineato che a versarla non saranno solo i proprietari ma anche gli inquilini in una misura tra il 10 e il 30 per cento dell’imposta. Una ripartizione che non sussisterà invece per la Tari. A versare la neonata tariffa sui rifiuti, che sarà commisurata ad anno solare e parametrata sulla superficie degli immobili, sarà solo chi occupa l’immobile. Tasi e Tari tornano a unirsi invece al momento del versamento poiché è il Trise nel suo complesso che andrà pagato in quattro rate trimestrali con scadenza 16 gennaio, 16 aprile, 16 luglio e 16 dicembre.

TRISE È l’acronimo del «tributo sui servizi comunali» e dovrebbe essere scelto dal governo per dare un nome alla service tax attesa a partire dal 2014. Andrà versato in quattro rate con scadenza 16 gennaio, 16 aprile, 16 luglio e 16 ottobre

TARI È la prima delle due gambe che compongono e sorreggono il Trise. Si tratta della tariffa da corrispondere al Comuni per il servizio rifiuti. La Tari sarà commisurata ad anno solare e parametrata sulla superficie degli immobili; la verserà solo chi occupa l’immobile

TASI È l’altra gamba del Trise per rimborsare i servizi indivisibili dei Comuni. La sua aliquota di partenza dovrebbe essere fissata all’1 per mille (oppure a 1 euro per metro quadro). Si sommerà alle aliquote Imu per stabilire il tetto massimo del prelievo

IMU Per effetto delle novità previste nella bozza di ieri l’Imu sulla prima casa la pagherebbero solo i proprietari di un immobile di pregio appartenente alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9

IMU IMPRESE Sebbene prevista nella bozza, sembra invece destinata a finire in un altro provvedimenti la norma che consente alle imprese di dedurre l’Imu versata sui capannoni dall’Irpef e dall’Ires ma non dall’Irap

IRPEF La stessa sorte della deducibilità dell’Imu per le imprese dovrebbe toccare alla misura con cui sarebbe stata coperta, vale a dire il ripristino dell’imposta sui redditi per la abitazioni non locate

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>