Questo articolo è stato letto 0 volte

Aree protette il 18% del territorio Ue

La rete di aree naturali protette a livello comunitario, quella di ”Natura 2000” ha toccato quota 18% del territorio dell’Unione europea, oltre ad includere 130mila chilometri quadrati dei mari. Nell’elenco delle new entry compare anche l’Italia, con quattro gioielli naturali: Rupi di Rocca d’Algisio e Calanchi pliocenici dell’Appennino faentino (Emilia Romagna); Monte Coccovello – Monte Crivo – Monte Crive e Lago del Rendina (Basilicata). Quest’ultimo ospita gli ”ululoni dal ventre giallo” (Bombina variegata), piccoli rospi acquatici, ma anche il piu’ grande serpente non velenoso d’Europa, l’Elaphe quatorlineata o ”cervone”.
Le nuove aree protette europee, circa 739 nuovi siti che si aggiungono ai 26mila gia’ esistenti, si concentrano prevalentemente in Francia, Danimarca e Spagna. Si contano anche ulteriori 17.500 chilometri quadrati di aree marine, che vanno dall’estuario della Loira, una nursery per il salmone atlantico, fino ad una zona del Mar della Cantabria, El Cachuco, nel Nord della Spagna, che ospita tra le altre specie anche spugne giganti.
”Quando proteggiamo la natura – afferma il commissario Ue all’Ambiente, Janez Potocnik – proteggiamo noi stessi. Natura 2000 e’ come un’assicurazione sulla vita, salvaguardando la natura e assicurando una relazione sostenibile con il mondo naturale dal quale dipendiamo”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>