Questo articolo è stato letto 1 volte

Approvati sette progetti di bonifica per aree inquinate

Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ha adottato una serie di provvedimenti per la bonifica di siti contaminati ed ha rilasciato alcune autorizzazioni alla costruzione e all’esercizio di elettrodotti appartenenti alla Rete di Trasmissione Nazionale.
In particolare, lo scorso 5 agosto sono stati approvati, con decreti del Ministro Stefania Prestigiacomo, i progetti di bonifica delle seguenti aree, comprese nei Siti di Interesse Nazionale (SIN) da bonificare:

  • Centrale di Augusta di competenza dell’ENEL nel SIN di Gela e Priolo;
  • Polo Nautico San Giuliano – Mestre di competenza del Comune di Venezia nel SIN di Venezia – Porto Marghera;
  • Feder Petroli Green Road di competenza della Enital nel SIN di Livorno;
  • Ex Sitoco di competenza del Commissario delegato Orbetello nel SIN di Orbetello;
  • Ex Sitoco di competenza della Laguna Azzurra nel SIN di Orbetello;
  • Fondali in concessione alla Società Cantieri Navali di La Spezia nel SIN di Pitelli-La Spezia;
  • Area urbana del Cillarese di competenza del Comune di Brindisi nel SIN di Brindisi.

Tali approvazioni, oltre a rappresentare il superamento di importanti criticità ambientali sul territorio nazionale, rappresentano la base per porre i presupposti essenziali alle possibilità di riutilizzare le aree a fini socio-economici e approntare, inoltre, uno sviluppo realmente sostenibile di importanti realtà industriali.
Questi provvedimenti si aggiungono a quelli già disposti nei giorni scorsi per i progetti di bonifica dell’area “ex Alucentro” di competenza dell’Interporto di Venezia e dell’area “Montefibre” di competenza della Venice Newport Container and Logistics.
Inoltre, d’intesa con la competente Direzione generale del Ministero dello sviluppo economico e con le regioni interessate, sono state rilasciate una serie di autorizzazioni uniche alla costruzione e all’esercizio di elettrodotti appartenenti alla Rete di Trasmissione Nazionale, con le quali oltre a consentire di migliorare e ottimizzare le prestazioni della suddetta Rete è garantito un elevato livello di tutela ambientale. In particolare, sono stati sottoscritti i decreti per le seguenti opere:

  • nuovo elettrodotto in cavo interrato “Gadio-Porta Volta” in comune di Milano;
  • variante linea elettrica aerea denominata “Vinchiana-San Pietro a Vico” nel comune di Lucca;
  • varianti in cavo interrato all’elettrodotto aereo “Fratta-Secondigliano der. Casoria” in provincia di Napoli;
  • varianti in cavo interrato all’elettrodotto aereo “Ciserano-Gorgonzola derivazione Italcementi” in provincia di Milano;
  • nuovi raccordi all’elettrodotto “Parma Vigheffio-S. Quirico” in comune di Parma;
  • stazione elettrica “Avellino Nord” in provincia di Avellino;
  • varianti agli ingressi alla stazione elettrica di “Cislago” in provincia di Varese;
  • variante nuova stazione elettrica di Villafranca Tirrena in provincia di Messina.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>