Questo articolo è stato letto 140 volte

Annullamento di atti amministrativi illegittimi: le FAQ della Gazzetta

Atti amministrativi e autotutela

a cura di AMEDEO SCARSELLA

Di seguito pubblichiamo alcune FAQ in materia di annullamento di atti amministrativi.

In caso di atto amministrativo illegittimo quali strade può percorrere la Pubblica Amministrazione?
Capita assai spesso che gli atti amministrativi siano affetti da vizi di legittimità inquadrabili nelle categorie dell’incompetenza relativa, dell’eccesso di potere, della violazione di legge, ovvero in taluni casi di vizi di merito. In questo caso, l’Amministrazione può aprire procedimenti di secondo grado per eliminare tali vizi: ed ha a disposizione due strade. La prima è quella di eliminare gli atti che sono viziati; la seconda è quella di conservare tali atti in vita, procedendo alla eliminazione, ove possibile, delle sole parti viziate. Entrambe tali potestà sono esplicazione della potestà di autotutela e costituiscono istituti riconducibili tutti nell’ampio “potere di riesame’’ che spetta alla Pubblica amministrazione. E che ora trova una esplicita previsione legislativa (art. 21-nonies l. 241/90).

CONTINUA A LEGGERE LE FAQ

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>