Questo articolo è stato letto 8 volte

Ai centri di raccolta dei Raee contributi per 30 milioni

Contributi fino a 30 mila euro per sostenere il potenziamento e l’adeguamento dei Centri di raccolta iscritti al Centro di coordinamento Raee e a promuovere l’efficienza e l’efficacia della raccolta dei Raee sul territorio. Il programma di erogazione dei contributi alimentato dal «Fondo 5 Euro/tonnellata premiata» si rivolge ai comuni, alle Unioni di comuni, ai consorzi di comuni, alle Comunità montane, alle aziende e ai soggetti di qualsiasi forma giuridica che risultino aver iscritto almeno un Centro di raccolta al Cdc Raee alla data del 3 ottobre scorso. I Centri di raccolta di rifiuti da apparecchiature elettriche possono presentare una sola proposta di ammissione al contributo che riguardi interventi già effettuati nei 120 giorni precedenti la suddetta data, oppure per interventi non ancora avviati o comunque non ancora conclusi alla stessa data. Gli interventi già conclusi possono beneficiare di un contributo fino a 20 mila euro, mentre gli altri interventi possono arrivare fino a 30 mila euro. Il contributo può sostenere spese per sistemi e misure anti-effrazione e per la prevenzione della sottrazione di componenti essenziali dei Raee depositati presso il Cdr, pesa per i contenitori di Raee in uscita, attrezzature per la movimentazione dei Raee e delle unità di carico, copertura dell’area di deposito dei Raee, altri interventi volti all’adeguamento e/o al potenziamento dell’efficienza del Cdr quali gli acquisti relativi ad attrezzature dedicate al deposito dei Raee presso il Cdr, con particolare riguardo all’obiettivo della loro integrità. La scadenza del bando è fissata al 15 novembre 2011.

Agevolazioni in pillole

Provincia di Trento: finanziamenti per i mercati contadini. I comuni della provincia di Trento possono beneficiare di contributi per la realizzazione di mercati destinati all’attività di vendita diretta di prodotti locali, effettuata da parte di imprenditori agricoli operanti in ambito provinciale o nei territori limitrofi a quello ove è ubicato il mercato medesimo. Sono ammessi a contributo gli interventi con spesa compresa tra 10 mila e 250 mila euro. Il contributo è pari al 90% della spesa ammessa. Gli interventi possono essere iniziati a partire dal giorno di presentazione della domanda di contributo e conclusi non oltre 12 mesi dalla data di concessione dello stesso. Il bando è aperto a sportello.

Veneto, contributi a progetti che utilizzano lavoratori privi di ammortizzatori sociali. Scade il 31 dicembre 2011 il termine concesso alle pubbliche amministrazioni, gli enti locali, le Ulss del Veneto e gli istituti scolastici, anche in forma associata, per presentare richiesta di sostegno a progetti di attività di pubblica utilità e/o utilità sociale aventi un carattere straordinario e temporaneo. Per realizzare dette attività le pubbliche amministrazioni devono utilizzare lavoratori di età superiore ai 30 anni, disoccupati, sprovvisti dei requisiti per godere di ammortizzatori sociali ordinari o in deroga e senza aver maturato alcun diritto pensionistico. Il contributo regionale è del 50% del costo del lavoro. Il fondo a disposizione ammonta a un milione di euro. Sicilia, agevolazioni per attività culturali. Scade il 2 novembre il termine concesso a comuni, accademie, enti, istituzioni e associazioni culturali, scientifiche e musicali aventi sede in Sicilia per ottenere il sostegno ad attività di catalogazione libraria e documentale di carattere culturale, artistico e scientifico di particolare rilevanza. Il contributo potrà coprire il 70% delle spese fino a 15 mila euro.

Nazionale: premio per l’efficienza energetica. Presentando domanda entro il 16/01/2012 tutti i comuni Italiani, i Consorzi di comuni e le Unioni di comuni potranno partecipare al Premio «sostenibilità ambientale e sociale per il comune. Efficienza energetica e innovazione nell’edilizia, giunto alla sua terza edizione. Il premio, promosso da Ancitel Energia e ambiente e da Saint-Gobain Italia, si rivolge alla migliore realizzazione per l’efficienza energetica nell’edilizia abitativa comunale e alla migliore realizzazione per l’edilizia non abitativa.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>