Questo articolo è stato letto 0 volte

Accordi decentrati ai raggi X grazie al web

La circolare del ministro Brunetta conferma che un rilievo essenziale nel quadro complessivo del dlgs n. 150/2009 hanno le nuove regole dettate in materia di pubblicità tramite il sito internet delle informazioni sui contratti decentrati e la intensificazione dei controlli. Essa chiarisce, dando una lettura innovativa del dettato legislativo, che bisogna dare immediata applicazione all’obbligo di recupero delle risorse illegittimamente inserite nel fondo, nonché alla pubblicazione sul sito internet delle relazioni illustrative ed economico finanziaria dei contratti. Tutte le amministrazioni pubbli-che devono corredare i contratti decentrati con due relazioni: una illustrativa del contenuto e una economico-finanziaria. Tali relazioni devono essere preparate dagli uffici e devono essere certificate da parte dei revisori dei conti. L’obbligo di redazione e pubblicazione di tali documenti sussiste anche se, ci dice la circolare n. 7/2010 della Funzione pubblica, non sono ancora stati predisposti i relativi modelli unitari nazionali. Fino a che tali modelli non saranno stati realizzati le singole amministrazioni hanno una significativa autonomia, che comunque deve essere esercitata garantendo che lo spirito della intesa sia chiarito, che sia attestato il rispetto dei vincoli dettati dal contratto nazionale e dalle disposizioni di legge e che si dia conto degli effetti attesi sulla qualità dei servizi erogati, anche in relazione alle richieste dei cittadini. È questo l’aspetto più innovativo e che, a parere di chi scrive determinerà entro pochi anni una sorta di «rivoluzione copernicana» nella logica posta a base delle relazioni sindacali nel settore pubblico. Infatti in tale modo si vuole superare l’autoreferenzialità e si obbligano le amministrazioni e i soggetti sindacali a fare i conti con le esigenze degli utenti: in tal modo si cerca di mettere un argine alle possibili pastette, che per potere essere realizzate hanno bisogno che pochi siano in possesso di una quantità sufficiente di informazioni. Ricordiamo inoltre che devono essere pubblicati anche il testo del contratto decentrato e le informazioni trasmesse alla Ragioneria generale dello stato nell’ambito del conto annuale del personale. La circolare ci ricorda che, non appena predisposti a livello nazionale, dovranno essere pubblicati sul sito internet anche i modelli per consentire ai cittadini la valutazione dell’effettivo impatto della contrattazione decentrata integrativa sulla qualità dei servizi erogati dall’ente. Ed ancora il ministro Brunetta coglie l’occasione per ricordarci che dobbiamo pubblicare sul sito internet del nostro ente anche le informazioni sulla valutazione richieste dall’articolo 11, comma 8, del dlgs n. 150/2009. Altri obblighi da soddisfare sono quelli relativi alla trasmissione ad Aran e Cnel in forma telematica ed entro cinque giorni dalla sottoscrizione della copia dei contratti decentrati, delle relazioni e della attestazione delle modalità di copertura dei relativi oneri. Il mancato rispetto sia degli obblighi di pubblicazione sul sito internet che di quello di comunicazione è sanzionato con il divieto di adeguamento dei fondi: i revisori dei conti sono obbligati a garantire il rispetto di tali disposizioni. Questi vincoli si applicano ai contratti sottoscritti dopo lo scorso 15 novembre, anche se relativi ad anni precedenti.

Continua a leggere su: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>