Questo articolo è stato letto 248 volte

Accesso civico differito a seguito dell’aggiudicazione della gara

Accesso civico differito

di SALVIO BIANCARDI

L’accesso civico generalizzato, di cui all’art. 5 del d.lgs. 33/2013 può essere legittimamente escluso in ragione dei divieti di accesso previsti dall’art. 53 del d.lgs. 50/2016.
Successivamente all’aggiudicazione della gara deve essere consentito a chiunque, ancorché nel rispetto dei limiti previsti dall’art. 5-bis del d.lgs. 33/2013.
La conclusione sopra illustrata è contenuta nella deliberazione ANAC 5 aprile 2017, n. 317, nella quale l’Autority si è soffermata sulle questioni inerenti il procedimento di gara (quale procedimento speciale) e il nuovo diritto di accesso introdotto dal d.lgs. 33/2013, come modificato dal d.lgs. 97/2016.

Nuovo diritto di accesso: la deliberazione ANAC 5 aprile 2017, n. 317

Tale istituto, infatti, pur riconoscendo a chiunque il diritto di chiedere l’ostensione di dati, documenti e informazioni in possesso delle amministrazioni, prevede ipotesi di esclusione nei casi di divieto di accesso stabiliti da leggi, ivi compresi i casi in cui l’accesso è subordinato a specifici limiti e condizioni, inclusi quelli di cui all’art. 24, comma 1, della l. 241/1990 (art. 5-bis, comma 3); e casi in cui il diritto di accesso è riconosciuto con determinati limiti (art. 5-bis, commi 1 e 2).
ANAC ritiene che le disposizioni speciali contenute nel Codice dei contratti pubblici in materia di accesso agli atti delle procedure di affidamento rientrino nell’ambito di tali limiti e condizioni.
Peraltro, ANAC ha fatto rilevare che l’art. 53 del d.lgs. 50/2016 dispone non un’esclusione assoluta, ma solo il differimento dell’accesso in relazione al procedimento di verifica della anomalia dell’offerta, fino all’aggiudicazione (art. 53, comma 2, lett. D), Codice dei contratti).

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *