Questo articolo è stato letto 0 volte

Abolizione Autorità d’ambito: soddisfazione Anci per avvio tavolo di confronto regioni-enti locali

 Soddisfazione per l’incontro con Roberto Ravello, Assessore all’Ambiente della Regione Piemonte e capofila della Conferenza delle Regioni per le materie ambientali, dedicato a fare il punto sulla questione dell’abolizione delle Autorita’ d’ambito per la gestione dei rifiuti e dei servizi idrici, stabilita dal cosiddetto ‘decreto Calderoli taglia-enti’ e sulle potenziali ripercussioni sul sistema e’ stata espressa dal Vicepresidente dell’ANCI e delegato alle politiche dei rifiuti e dell’energia, Filippo Bernocchi.

“Abbiamo condiviso con le Regioni – ha annunciato Bernocchi – l’avvio, nei tempi più brevi, di un tavolo di confronto su competenze e gestione integrata dei servizi ambientali, dove potranno essere valutate le iniziative utili a preservare il ruolo dei Comuni e, al tempo stesso, a garantire il miglior funzionamento del sistema e l’organizzazione regionale nel rispetto delle peculiarità dei diversi territori”.
“Al tavolo – aggiunge Bernocchi – saranno invitati a partecipare esponenti delle Anci regionali, al fine di individuare un percorso che possa garantire un insieme di regole che a livello locale assicuri trasparenza e indipendenza, oltre che vicinanza alle esigenze dei cittadini e dei territori, nel governo di servizi di interesse pubblico generale, salvaguardando le gestioni efficienti e consolidate”.
“Ci aspettiamo dalla collaborazione con le Regioni – conclude Bernocchi – che, con la riorganizzazione in corso, si riesca a mantenere il funzionamento di realtà ‘virtuose’, correggendo le inefficienze con nuove norme regionali che non pregiudichino le buone pratiche, lasciando un margine di discrezionalità ai territori, garantendo comunque il ruolo di committenza nei confronti del soggetto gestore dei servizi, che è proprio dei comuni e degli enti locali e che non può essere messo in discussione, in quanto capace di rendere efficaci le fasi di programmazione e di controllo”. 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>